Blog: http://elogiodellabellezza.ilcannocchiale.it


il più grande scrittore vivente: Philip Roth


da 'Everyman'

"Ma ciò che aveva imparato era niente in confronto a quell'assalto furibondo e inevitabile che è la fine della vita. Fosse stato consapevole delle terribili sofferenze di ogni uomo  e ogni donna che per caso aveva conosciuto in tutti i suoi anni di vita professionale, consapevole della storia dolorosa di rimpianti, di sconfitte e di stoicismo di ciascuno, storia di paura e di panico e di solitudine e terrore, se avesse saputo di tutte le cose da cui avevano dovuto infine separarsi, cose che un tempo per loro erano state di importanza vitale, e della sistematica distruzione che stavano subendo, avrebbe dovuto stare al telefono per tutto il giorno e fino a notte fonda, facendo almeno altre cento chiamate. La vecchiaia non è una battaglia, è un massacro."

Pubblicato il 9/5/2007 alle 17.10 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web